CENNI STORICI DI MANFREDONIA

Cliccando sul menu si accede alle schede su Manfredonia
Testi a cura della Dott.ssa Dea Furii



Cristanziano SerricchioMANFREDONIA ALLO SPECCHIO
di Cristanziano Serricchio







Panoramica di Manfredonia

Manfredonia, ai margini del Tavoliere di Puglia, in fondo al golfo omonimo, distesa sulla riva, saluta col profilo vario delle sue case antiche e dei nuovi palazzi.

Il sobrio campanile della Cattedrale, l'austero Castello di re Manfredi, i suoi splendidi arenili, i due vecchi moli foranei e il modernissimo pontile industriale, si fondono nel fervore delle opere e dei giorni, sull'orizzonte vasto del mare e nella cornice superba della "montagna del sole".

Lungomare di ManfredoniaQui il nuovo e l'antico, il passato e il presente, e direi anche il futuro, pur distanti nel tempo, svolgono una reciproca funzione complementare. Così il mare, la piana di Capitanata e il Gargano si integrano fra loro nella lunghissima sequenza di civiltà e di vicende (più di diecimila anni), di cui sono stati testimoni, dall'uomo della preistoria, che abitava nelle caverne, sino ai giorni nostri. Sono direzioni di vita e di sviluppo che durano da quando i primi abitatori di questa terra scendevano nelle grotte Scaloria-Occhiopinto per raccogliere, in vasi d'argilla, l'acqua dello stillicidio e placare la sete nelle lunghe estate siccitose.

Se mancano, qui, accanto ai manufatti di selce e di ceramica, di ferro e di bronzo, a vari monili e ai resti di muri di pietre e di antiche abitazioni, altri segni di vita, sparsi tutt'intorno ancora chiari i segnacoli di morte, tombe scavate in superficie e sepolcreti ipogei, come quelli di Siponto e di Capparelli, che si addentrano nella roccia tufacea in ordini sovrapposti e che, ampliati, costituirono, sin dall'epoca preclassica, l'immensa necropoli che circondava l'antica città sepolta.

Chiesa Santa Maria Maggiore di SipontoSIPONTUM, la città delle seppie, secondo l'etimologia più diffusa, o più probabilmente la città costruita sugli scogli sforacchiati dai datteri di mare. Fondatore il mitico Diomede o, più verosimilmente, quei Dauni primitivi che, venendo per mare dall'Illiria, portarono qui, nel punto più sicuro e riparato del golfo, non le pietre di Troia distrutta, per edificare la nuova città, ma, secondo il Prof. Silvio Ferri, il ricordo della guerra di Troia, non raccontata dai vincitori, ma dai vinti; ossia una ventata nuova di civiltà e di cultura, documentata nelle famose "Stele Daune", più di duemila pezzi, raccolte e interpretate dall'insigne archeologo scomparso e che costituiscono ora un unico e inestimabile tesoro che si conserva nel Museo Archeologico Nazionale, nel Castello svevo-angioino di Manfredonia.

Ma dov'è finito il sito di Siponto daunia e poi greca, quando divenne porto di Arpi, prima che i Romani la conquistassero durante la guerra annibalica? Qualcuno lo cerca tra Coppa Navigata e la Cupola, tra il Cervaro e il Candelaro, dove sono venute alla luce, oltre alle stele, testimonianze della fine dell'età del bronzo e del principio dell'età del ferro.

Siponto, stratificata con la sua storia nel tempo e vissuta in funzione di Arpi e del Tavoliere, giace sotto una coltre di verde, ben delimitata dai resti delle mura di cinta.

Come lontane le vicende di conquista e di liberazione: Annibale, Odoacre, Teodorico, il vescovo Lorenzo che salva la città dall'ira di Totila, e poi Slavoni, Longobardi, Saraceni. Bisogna scavarne le tracce lungo le strade e negli edifici sepolti, per liberarne e accettarne le memorie.

Scavi archeologici di SipontoMa là dove sono stati eseguiti scavi, tra le rovine della splendida basilica paleocristiana a tre navate, nel groviglio di fabbriche diverse e sovrapposte, occhieggiano pavimenti musivi, qualcuno policromo (ora sulla parete interna della chiesa medievale), colonne, capitelli, sarcofaghi, lapidi e iscrizioni che ci restituiscono momenti di vita e nomi di sipontini che qui vissero e morirono.

In adiacenza, sul luogo dove probabilmente era l'antico battistero di San Giovanni, si erge solitaria, sulla città sepolta, la luminosa basilica romanica di Santa Maria Maggiore, costruita nell'XI secolo con materiali di spoglio della vecchia basilica. Interessante è il prezioso sarcofago bizantino che sostiene la mensa dell'altare.

Il disegno del tempio, gli elementi architettonici e decorativi, il magnifico portale ne fanno uno dei cardini dell'arte pugliese del periodo romanico. Vi lavorarono l'Acceptus e quel David magister, iniziatori di una grande scuola scultorea locale.

Quando la malaria e i terremoti resero Siponto una città semidistrutta e deserta, i pellegrini, diretti a Roma dall'Oriente o in Terrasanta dall'Occidente, continuarono a giungere e a sostare qui, prima di salire alla Grotta dell'Angelo. Imperatori, sovrani d'Europa, pontefici, crociati, popolani e santi, deponevano le loro ansie e speranze davanti alla meravigliosa Madonna bizantina e scendevano nella cripta tra una selva di colonne e un cielo di ariose voltine a crociera, per cogliere un segno nello sguardo immoto della "Sipontina", la preziosa statua lignea della Vergine col Bambino, ora nella Cattedrale di Manfredonia unitamente al sacro tavolo.

Vi giungevano, dopo viaggi lunghi e faticosi, dalla bella chiesa romanica di San Leonardo in Lama Volara dei primi del '200, anch'essa, con l'ospizio, le imponenti fabbriche abbaziali e il tipico camino a torretta, punto di sosta nell'arso Tavoliere per i pellegrini che si recavano al Santuario dell'Angelo.

Non ha tramonto il ricordo dei Crociati, dei Cavalieri Teutonici, Guglielmo il Buono, che dotarono l'abbazia di San Leonardo di terre e di privilegi vari. Qui un possente crocifisso ligneo (ora nella Cattedrale di Manfredonia) pare vivente nella sua sofferta e tormentata rigidità bizantina.

Nel grandioso portale l'Arrivo dei re Magi e il Pellegrino al Gargano protetto da S. Michele, rappresentati negli stupendi bassorilievi dei capitelli, restano ancora a testimoniare una lunga e inquieta epopea di fede.

CastelloQuella medesima, forse, che spinse Manfredi, sull'esempio paterno, a ricostruire la nuova Siponto poco discosta dall'antica. Resa inabitabile per le distruzioni e l'aria malsana, interrato il porto, Manfredi ne constata la fine, nel 1263, e concedendo privilegi e franchigie, decreta il trasferimento dei rimanenti abitanti nella nuova Siponto.

Per lo sfortunato Manfredi la nuova città, che egli aveva disegnato sullo schema urbanistico dell'antica Siponto, doveva rispondere alle crescenti esigenze di espansione economica dell'alta Apulia, e costituire un baluardo di difesa delle coste dagli Slavi e dagli Arabi.

Ma, ucciso Manfredi a Benevento, gli Angioini ridussero alle dimensioni minime il suo vasto disegno. Nella modernissima piazzetta Mercato, una specie di palcoscenico al mare, accanto alla Cappella Gotica della Maddalena, la più antica delle chiese locali, di origine sveva, l'immaginazione può scoprire l'ombra di Manfredi passeggiare sugli spalti delle mura e ascoltare i suoi musici siciliani, "grandi romanzaturi". Ora ragazzi e ragazze, vecchi pescatori a riposo, sostano al sole primaverile e intrecciano dialoghi d'amore e di speranze, in questo belvedere di memorie.

Tutta la storia di Manfredonia e della progenitrice Siponto è, nella loro continuità, una lunga successione di violenze subite: Goti, Bizantini, Longobardi, Saraceni, Normanni, Angioini, Ungheresi, Durazzeschi, Aragonesi, Spagnoli, Francesi. Baroni e conti, quasi sempre forestieri, si avvicendarono nel suo castello per dominarla. Città di arrivi e di partenze, teatro di lotte e di conquiste ininterrotte, nata sul mare per cercarvi la vita, ebbe dal mare distruzioni e rovine.

Quell'alba del 16 agosto 1620 per Manfredonia fu l'inizio di una sanguinosa agonia durata tre giorni. Sbarcati da 56 galee i Turchi, piegata ogni resistenza, saccheggiarono e incendiarono chiese, abitazioni, edifici, archivi e asportarono ogni bene. Di Manfredonia sveva e angioina restava, oltre al castello e alle mura, ben poco. La città, che sul finire del '500 contava circa 3.500 abitanti, si ridusse, verso la metà del '600, a soli 350 fuochi, ossia 1.750 abitanti.

Provvidenziale fu l'opera illuminata dell'arcivescovo card. Orsini, che divenne poi papa Benedetto XIII. Molti gli edifici che ricordano questa ferma volontà di rinascita. La Cattedrale ricostruita sull'originale duomo angioino e dedicato a S. Lorenzo Maiorano vescovo di Siponto, il campanile, le chiese con gli annessi conventi di S. Benedetto, di S. Francesco, di S. Chiara, di S. Maria delle Grazie.

Chiostro Palazzo San Domenico sede del ComuneUn esempio di sovrapposizione di epoche e di stili è nella chiesa di S. Domenico che conserva la facciata romanica e resti dell'antica struttura gotica, come il grande arco sul mare e la Cappella della Maddalena. Attiguo è il convento dei Domenicani con l'arioso colonnato a loggetta, attuale sede municipale.

Questa atmosfera così particolare, intessuta di memorie antiche e moderne, circola per le strade e nelle piazze, dove si incontrano palazzi nobiliari con stemmi gentilizi, loggiati aperti ed ampie corti interne dalle scale di pietra. Tutt'intorno, fra vicoli e viuzze, si susseguono umili casupole in pietrame o in tufi, costituite dal solo pianterreno e dal tetto a terrazza, o sopraelevazioni ad un piano con mugnali, scale esterne e bianchi intonaci di calce.

All'incalzare del nuovo resistono vecchie case di pescatori, piccole botteghe di artigiani, umili sottani per abitazioni, atri e cortili schiamazzanti di giochi di bambini. Via San Lorenzo, via Maddalena, pertuso del Monaco, spiaggia Diomede, arco Boccolicchio. Qui la vita conosce serenità e amarezze, lutti e rimpianti.

Il vecchio e il nuovo, l'antico e il moderno costituiscono il segno di questa città in continuo fermento, aperta a rapidi collegamenti con le principali reti autostradali, ferroviarie e marittime. Spinta alla specializzazione industriale e terziaria, ha saputo dar vita ad una flotta peschereccia tra le più nutrite e attrezzate del basso Adriatico.

I costruttori di barche e i pescatori, l'acqua e il mare, un mare spesso difficile e amaro, rappresentano ancora la vera anima di questa città dinamica, che, pur gravitando sul porto, nel quale è notevolmente cresciuto il movimento navale, conserva l'antico equilibrio fra mare e terra.

Villaggio PescatoriPescatori e agricoltori, commercianti e artigiani, operai e addetti al turismo, liberi professionisti, impiegati e insegnanti determinano insieme il nuovo clima culturale e cittadino, anche se qui, come altrove, sono cresciuti i problemi col rapido sviluppo urbano, come quelli occupazionali e dei giovani, che affollano le scuole, le strade, la villa. Notevolmente cresciuto è il contesto culturale con la presenza di scuole di ogni ordine e grado e di varie istituzioni culturali. Anche l'artigianato artistico trova valide espressioni in tradizionali botteghe.

Sono forme e colori che si riscontrano nella vita di ogni giorno, tra i vicoli e nelle bianche cale, sulle spiagge interminabili e sugli orizzonti luminosi del mare, nelle grotte e sugli scogli, nel verde del grano e degli ulivi secolari o tra le siepi di fichidindia e i campi vasti di asfodeli.

Colori e luci che fanno di Manfredonia una città solare e un brillante centro turistico, luogo di sosta e di partenze di turisti alla scoperta delle stupende bellezze dei paesi e delle coste garganiche, fino ai laghi di Lesina e di Varano e alle Isole Tremiti, incantevoli come un miraggio; o di pellegrini del mondo per l'antichissimo santuario nella Grotta di S. Michele o per quello di Padre Pio a S. Giovanni Rotondo.

In questa città di relazioni, tra le più importanti della Daunia, il mondo presente vivo e moderno non può dimenticare l'antico. L'immagine del lavoro di fabbrica si fonde con quella più arcaica del lavoro sul mare e sul porto, nei cantieri e nei campi, dovunque l'uomo di oggi ripeta la fatica degli antichi abitatori di questa antichissima terra. Nell'anima costruttiva e razionale affiora la tradizionale religiosità popolare o lo spirito dionisiaco che dà a Manfredonia una lieta e indimenticabile atmosfera festiva, come quella che si respira durante il Carnevale sipontino, o nelle feste patronali, nei bar, nel passeggio serale lungo il corso Manfredi o nelle spiagge affollate sotto il sole a picco.

Una città che aiuta a trovare, nell'equilibrio delle sue varie componenti, il giusto significato dei sentimenti e delle cose e forse anche il valore stesso del vivere.